CRONACA TRAGEDIA FAMILIARE A GELA TENTA IL SUICIDIO CON I FIGLI: MORTI ANNEGATI I DUE BAMBINI Stampa

 

 

CRONACA TRAGEDIA FAMILIARE A GELA TENTA IL SUICIDIO CON I FIGLI: MORTI ANNEGATI I DUE BAMBINI

Vanessa Lo Porto, una donna di 30 anni, da poco separata, ha tentato di uccidersi, insieme ai suoi figli di 2 e 9 anni, buttandosi al mare a Gela.

 

 

La donna si è salvata ma i due bambini sono annegati. Uno dei due bambini era autistico.

Il mare agitato rende difficile le operazioni di ricerca, per il momento i carabinieri hanno recuperato il cadavere del bimbo di 9 anni.

La donna, ricoverata in ospedale sotto shock, è stata sedata.

L'episodio si è verificato nella zona balneare di Manfria.

E' stata la stessa donna a chiamare i carabinieri e a costituirsi dicendo loro che aveva ucciso i figli.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, la donna avrebbe tentato il suicidio con i bambini, ma poi si sarebbe messa in salvo mentre i bambini sono annegati.

La donna una settimana fa, il 16 Aprile, aveva lasciato un messaggio sulla sua pagina di facebook, scrivendo che:

"Quando non si può tornare indietro, bisogna soltanto preoccuparsi del modo migliore di andare avanti. Non si può scegliere come sentirsi, ma si può fare sempre qualcosa per cercare di stare meglio possibile".

Quello del 16 Aprile è l'ultimo messaggio è l'ultimo messaggio lasciato sulla bacheca personale del network prima della tragedia.

Written by Gianluca Laurenti   modificated by Manager_Igor Scarabel

La redazione di InformazionePura.it, pur facendo un grande controllo dei contenuti che pubblica, non si assume nessuna responsabilità in merito agli stessi. Infatti, è l'autore dello stesso articolo che si prende la piena responsabilità legale ed amministrativa dei contenuti pubblicati in esso (testo, foto, e vari).

Gela, bambini, carabinieri, donna, zona balneare, Manfria