Il portale informazionepura.it è in stanby permanente.

Per tutti coloro che volessero sfruttare l'opportunità di Guadagnare Scrivendo Articoli in una vera testata giornalistica professionale, consigliamo di scrivere per il Giornale ''We-News | Paid-To-Write''.

Cordiali saluti, e grazie per aver pensato a noi.

Condividi su ...
FACEBOOK WIKIO WIKIO SEGNALO DIGGITA ZICZAC DELICIOUS DIGG TWITTER GOOGLE TECHNORATI FAVORITES WINDOWS LIVE BOOKMARK.IT DIGO FAI INFORMAZIONE UPNEWS
FILIBERTO: ECCOMI - IO PRINCIPE "LAVORATORE" CONTRO TUTTI GLI STEREOTIPI PDF Stampa E-mail

Emanuele Filiberto Di Savoia

 

Parigi.

Seduto comodamente su una panchina di un giardinetto, dove giocano i bambini, il Principe rilascia l' intervista.

Quando ripensa alla sua infanzia, ricorda anche particolari sapori e pietanze?

"Ricordo l' odore della torta al ciocolato di mia nonna. Si sentiva il profumo in tutta la casa. E poi anche l' odore del mare e dei ricci, di quando ero in Corsica in vacanza. "

Ma qual è il suo piatto e quale compagnia considera ideale per una cena informale e distensiva?

"Spagetti alle vongole - sorride - e mi piace mangiarli insieme ai miei amici, a mia moglie".

Ha la passione dei motori, ma questi a volte l'hanno tradita rendendola vittima di incidenti.

Le moto non le ha abbandonate, ma le auto?

" Io con la moto ho avuto solo due incidenti, con le auto diversi. Mi piacerebbe comunque tornare a correre in un rally. Anzi, le dico una cosa: parlavo con un mio amico e probabilmente il prossimo anno faremo la Parigi-Dakkar. E' una gara che mi ha sempre affascinato. Penso proprio che il prossimo anno ci proverò".

Ha ancora il tempo per coltivare i suoi hobby?

"Si, ho tanto tempo. La gente mi vede impegnato forse oltremodo perchè sono molto presente, ma il lavoro mi impegna due o al massimo tre giorni. Per il resto della settimana sono libero, con tutto il tempo che voglio, da dedicare alla mia famiglia e alle mie passioni".Il principe

E' ritornato in TV con 'Ciak si cant '.

La Rai punta molto su questa trasmissione.

Lo fa perchè ritiene vincente il formato o la coppia Pupo - Emanuele Filiberto?

"Beh, è un bel format - tutto italiano. L' abbiamo preso in corso d'opera e con Pupo ci stiamo lavorando ancora, per metterci del nostro e far si che abbia una sua precisa identità, per competere al meglio contro Bonolis e il suo ' Ciao Darwin ' . Certo che ora la Rai punta anche sulla coppia, perchè il pubblico ci apprezza perchè siamo veri, senza filtri. "

Ma è stato Lei a scelere Sanremo o il Festival a scelere Lei?

"Posso affermare che in questo caso è stato Sanremo a scegliere noi. Io mi ci sono ritrovato dopo aver scritto un testo musicato da Pupo, ma posso assicurare che non era in programma una mia partecipazione al Festival. Nemmeno nei miei sogni più reconditi. "

Se non ci fossero stati Pupo e Canonici, Lei sul palco dell' Ariston chi avrebbe voluto al Suo fianco?

" Forse non ci sarei andato proprio. E comunque come artista italiano mi piace molto Jovanotti. Però mi sarebbe piaciuto esserci con Caparezza, è un cantante che apprezzo molto. "Filiberto e Pupo

Ha tentato anche la strada della politica.

Ci riproverà o ritiene di aver chiuso definitivamente?

"E' un progetto chiuso. Comunque alle europee sono il primo dei non eletti. Sono tornato in Italia dopo 32 anni di esilio e forse ho voluto fare troppe cose. Il mio errore probabilmente è stato di aver voluto troppo velocemente affrontare la scena politica".

C'è un paesino in Basilicata, Savoia di Lucania, che attende da qualche anno uba Sua visita.

Ci andrà prima o poi?

"Sicuro, ci andrò, me lo sono ripromesso".

E farà anche visita al cimitero alla tomba di Giovanni Passannante?

"Beh, non è che posso far visita ai cimiteri di tutti i posti in cui vado. Intanto visiterò il paese, poi per il cimitero vedremo in seguito. "

Quanto ha contato per il suo successo il nome che porta, e quanto invece la sua " voglia di fare?"

"Non saprei. Direi al 50% per l' una e per l' altra. Certo, il nome aiuta perchè incuriosisce".

Pare che Lei smentisca l' immaginario collettivo dei nobili che non hanno voglia di lavorare...

"Lavoro sin da quando avevo 19 anni, ed è da allora che non chiedo una lira ai miei genitori, ho una famiglia, un mutuo, una casa in affitto. Sto scrivendo un format per una nuova trasmissione, per il prossimo autunno, ed ho un progetto lavorativo legato al mondiali di calcio in Sud Africa- e conclude- Spero di aver smentito chi vede Emanuele Filiberto come una persona che non ha voglia di lavorare!"

 

Written by iv@   modificated by Manager_Igor Scarabel