Il portale informazionepura.it è in stanby permanente.

Per tutti coloro che volessero sfruttare l'opportunità di Guadagnare Scrivendo Articoli in una vera testata giornalistica professionale, consigliamo di scrivere per il Giornale ''We-News | Paid-To-Write''.

Cordiali saluti, e grazie per aver pensato a noi.

Condividi su ...
FACEBOOK WIKIO WIKIO SEGNALO DIGGITA ZICZAC DELICIOUS DIGG TWITTER GOOGLE TECHNORATI FAVORITES WINDOWS LIVE BOOKMARK.IT DIGO FAI INFORMAZIONE UPNEWS
BREVE GUIDA AL BUSINESS PLAN PER RICHIEDERE FINANZIAMENTI AGEVOLATI PDF Stampa E-mail

business plan

 

Cos'è, a cosa serve e come redarre un business plan.

I finanziamenti agevolati sono regolati da una serie di provvedimenti e normative destinati ad aiutare imprenditori o chi intende avviare un'impresa ex novo.

Le imprese e/o i futuri imprenditori possono usufruire di finanziamenti agevolati attraverso la presentazione di un progetto che, se ben fatto e validato, può portare al finanziamento e al grande sostegno economico.

Tale progetto si chiama "business plan" e rappresenta una pianificazione d'impresa.

Il business plan, soprattutto se finalizzato ad una richiesta di finanziamento (agevolato o meno), deve contenere alcuni elementi che descrivano ciò che si intende fare con le risorse economiche richieste.

Ecco i punti fondamenti che un business plan deve contenere.

1. L'idea di impresa o di sviluppo di impresa: in questa sezione andrà fatta una descrizione sintetica di tutto il progetto, dichiarando esplicitamente l'idea di base e gli obiettivi che si vuole perseguire.

Mettiamoci nei panni di chi deve erogarci un finanziamento per capire quanto sia importante sintetizzare in modo chiaro e preciso: a chi si vuol vendere, che cosa si vuol vendere, cosa e come sarà sarà il prodotto/servizio.

2. Analisi del mercato di riferimento: questa è una parte fondamentale del business plan perchè in essa va dimostrata l'effettiva "richiesta" o "bisogno" che il nostro prodotto/servizio andrà a soddisfare.

Potrebbe così dividersi:
- dati del settore e del contesto geografico di riferimento.

Ad esempio, se si intende aprire un internet point-game center a Milano, sarà importante presentare qualche dato anche a livello nazionale sul mercato degli internet point, dei game center, ricercare informazioni su quanti internet point siano già presenti nella città, verificare poi dove sono collocati e chiudere ad imbuto sul quartiere in cui è ubicato il nostro locale.

- chi sono o saranno i nostri principali clienti: definirne la tipologia, le caratteristiche socio-demografiche, i loro bisogni e il motivo per cui si andrà a soddisfarli, la numerosità di ciascun gruppo ed il numero di clienti che si pensa di conquistare.

- chi sono i nostri concorrenti: individuare i concorrenti diretti principali, fornendone una descrizione accurata, specificandone i servizi offerti, il prezzo applicato ed il motivo della loro temibilità; individuare anche i concorrenti indiretti, ovvero coloro che con attività differenti alla nostra soddisfano gli stessi bisogni nel target di riferimento (nel nostro esempio, potrebbero essero i negozi di multimedia e videogiochi...la loro è un'attività differente che però soddisfa lo stesso bisogno di svago elettronico, di ludicità in genere, etc...).

3. Aspetti tecnico-produttivi-organizzativi: nessun ente vi fornirà un finanziamento se all'interno del business plan presentato non vi sia descritto il modo in cui intendete organizzare le attività, specificando un piano di produzione o erogazione del prodotto-servizio offerto; vanno dunque menzionati gli aspetti relativi a: fornitori principali, costanza nell'offerta, disponibilità e tempi di consegna, etc.

4. Commercializzazione e comunicazione: come si intende commercializzare e promuovere il prodotto-servizio.
Riprendo l'esempio di richiesta di finanziamento per un internet point-game center, in tal caso si parlerà di un "canale distributivo diretto", ovvero il locale dove viene direttamente erogato il servizio; mentre per la promozione, le strategie comunicative potrebbero avvalersi di pubblicità su internet, volantinaggio, etc. 5.

Definire i prezzi di vendita (per un'ora di navigazione o di gioco, ad esempio).

6. Piano degli investimenti: sezione importantissima di qualunque business plan.
Definire quì i beni di investimento, la loro descrizione tecnica e la loro funzionalità (es., andando per ordine: insegna commerciale - progettazione grafica, realizzazione, installazione e montaggio - funzioni estetiche e pubblicitarie).

Proseguire quindi con associare il costo ad ogni investimento che sarà dettato da preventivi richiesti che andranno presentati insieme al business plan.

Written by fatamagò   modificated by Manager_Igor Scarabel

La redazione di InformazionePura.it, pur facendo un grande controllo dei contenuti che pubblica, non si assume nessuna responsabilità in merito agli stessi. Infatti, è l'autore dello stesso articolo che si prende la piena responsabilità legale ed amministrativa dei contenuti pubblicati in esso (testo, foto, e vari).

business plan, finanziamenti agevolati, business plan esempio, redigere business plan,come fare business plan, fare un business plan, strategia aziendale