Il portale informazionepura.it è in stanby permanente.

Per tutti coloro che volessero sfruttare l'opportunità di Guadagnare Scrivendo Articoli in una vera testata giornalistica professionale, consigliamo di scrivere per il Giornale ''We-News | Paid-To-Write''.

Cordiali saluti, e grazie per aver pensato a noi.

Condividi su: FACEBOOK WIKIO WIKIO SEGNALO DIGGITA ZICZAC DELICIOUS DIGG TWITTER GOOGLE TECHNORATI FAVORITES WINDOWS LIVE BOOKMARK.IT DIGO FAI INFORMAZIONE UPNEWS

Subscribe

Bookmark and Share

IL CENTRO-SINISTRA IN PIAZZA CONTRO BERLUSCONI PDF Stampa E-mail

I leader compattano il centrosinistra

 

Alla fine sono stati, secondo gli organizzatori 200 mila, secondo la Questura 25 mila, ad accettare la «chiamata alle armi» di Di Pietro e a scendere in piazza, ieri pomeriggio.

 

Sotto lo slogan "Democrazia, legalità, lavoro. Sì alle regole e ai diritti. No ai trucchi. Per vincere." si sono raccolti, oltre al popolo viola e alle altre associazioni autoconvocate, anche tutti i partiti della sinistra, come non si vedeva da prima delle ultime elezioni.

C'erano infatti Verdi, Sinistra e Libertà, Federazione della Sinistra, Socialisti, Radicali, Partito Democratico ed Italia dei Valori. E tutti i rispettivi leader, insieme, sul palco; tanto che ad un'occhiata distratta sembrava la rievocazione di uno dei vertici della disfatta Unione di prodiana memoria!

Bersani è stato l'ultimo a parlare. Con la cadenza emiliana, per non sbagliare, comincia il suo discorso con un ecumenico "cari amici e compagni"! Poi, nonostante abbia già affermato "combatteremo Berlusconi ma non avremo lui negli occhi", dedica la maggior parte del suo intervento proprio al Cavaliere. La promessa è ovviamente, quella della vittoria alle regionali: "Noi vinciamo, lista o non lista. Berlusconi ha voluto farsi un vestito su misura salvo poi scoprire che era sbagliato perché il sarto era ubriaco. La prossima volta le liste se la facciano fare dalla Protezione civile."

Alla fine disegna alla Piazza il sogno di un'altra Italia possibile: "Impediremo che il suo nervoso tramonto (di Berlusconi) travolga nel discredito le istituzioni, ferisca l'unita' della nazione. Lavoro, onesta', regole, civismo sono le regole della grande riscossa democratica."

 

Ma prima di lui è Di Petro che infiamma i I leader compattano il centrosinistramanifestanti e, a scanso di equivoci sul Capo dello Stato, subito avverte: "Noi oggi non affronteremo altri argomenti che non sia quello di liberare il Paese dal despota Berlusconi, dalla deriva fascista del Governo."

L'inizio del suo discorso è non meno bellicoso di quella chiamata alle armi: "Il regime e' ormai alle porte, e' tempo di resistenza e di assunzione di responsabilita' da parte del centrosinistra per fermare questa situazione."

Il resto è un'apoteosi di ingiurie all'indirizzo di quello che è pur sempre il Primo Ministro della Repubblica. Berlusconi viene così dipinto: "Un corruttore matricolato"; "Un novello Nerone che ride, se la canta e se la suona con le barzellette mentre l'Italia brucia"; "Un pidiusta che pensa solo ai suoi interessi."

Una buona parola la trova pure per il direttore del Tg1, Minzolini: "Se me lo trovassi davanti, un calcione nel sedere non glielo toglierebbe nessuno."

Alla fine, facendosi interprete della volontà generale, ringhia: "I cittadini sono stufi di farsi prendere in giro da questo Governo che toglie il potere al Parlamento."

Vuole un'informazione imbavagliata, a volte comprata e nella quale gli organi di garanzia sono denigrati."

E dire che si tratta soltanto di elezioni regionali!

 

 

 


Written by Simone Muti ...modificated by Valerio Rossi

 

Leggi i migliori articoli e news sulla ''We-News | Paid-To-Write'', la Testata Giornalistica Online con le sue sezioni tematiche di:

Sabato 22 Settembre 2018 08:54
Immagine
    ACCOGLIENZA FREDDA DI BERLUSCONI IN CONFINDUSTRIA
All'Assemblea annuale della Confindustria il Premier, per la prima volta, ha avvertito di non essere più in sintonia con il "suo" popolo.
Leggi tutto...
Immagine
    AMNESTY INTERNATIONAL ACCUSA L'ITALIA DI RAZZISMO, IL GOVERNO ATTACCA
  E' guerra aperta tra la celebre associazione di difesa dei diritti umani Amnesty International e il Governo italiano in persona del Ministro degli...
Leggi tutto...
Immagine
    USA, DOMANI SI VOTA SULL'ABOLIZIONE DELLA NORMA CONTRO IL SERVIZIO MILITARE DEI GAY DICHIARATI
Domani, 28 maggio 2010, forse sarà un'importante giornata per gli omosessuali americani.
Leggi tutto...
Immagine
    BERLUSCONI E TREMONTI, OVVERO IL "POLIZIOTTO BUONO" E IL "POLIZIOTTO CATTIVO"
  Lettori, abbiamo sbagliato: quello che vi abbiamo raccontato nei giorni scorsi sulla contrapposizione tra il Premier ed il suo Ministro delle...
Leggi tutto...
Immagine
    L'INCONTRO DI NAPOLITANO ALLA CASA BIANCA
  L'incontro tra i due presidenti a Washington è stato preparato in tutta fretta, viste le ultime urgenze economiche del Vecchio Continente,...
Leggi tutto...
Immagine
    RIFORMA SCUOLA: RIAPERTURA AD OTTOBRE?
  Nasce da una proposta di legge del Pdl l'idea di dare inizio alle lezioni a scuola dopo il 30 settembre.
Leggi tutto...
Ho conosciuto questo sito da...
 




"TORNA SU" | Home | RSS Feed | Design by : Admin GAT (giulioalbertotolu[AT]hotmail.it) | CSS | XHTML | "Copyright & Privacy" | "Domande & Risposte" |

INFORMAZIONEPURA il PAID TO WRITE che ti fa GUADAGNARE SCRIVENDO ARTICOLI