Il portale informazionepura.it è in stanby permanente.

Per tutti coloro che volessero sfruttare l'opportunità di Guadagnare Scrivendo Articoli in una vera testata giornalistica professionale, consigliamo di scrivere per il Giornale ''We-News | Paid-To-Write''.

Cordiali saluti, e grazie per aver pensato a noi.

Condividi su: FACEBOOK WIKIO WIKIO SEGNALO DIGGITA ZICZAC DELICIOUS DIGG TWITTER GOOGLE TECHNORATI FAVORITES WINDOWS LIVE BOOKMARK.IT DIGO FAI INFORMAZIONE UPNEWS

Subscribe

Bookmark and Share

NEWTON, RESO PUBBLICO IL MANOSCRITTO : LA MELA CADDE PER DAVVERO!! PDF Stampa E-mail

Il manoscritto reso pubblico dalla Royal Society britannica (AP)

Era un pomeriggio di primavera del 1726” narra Stukeley, ”quando Newton raccontò la storia della mela, durante un té all'ombra di alberi carichi del frutto di Eva. Il concetto di gravità, gli era venuto in mente poco dopo il 1660 mentre sedeva proprio sotto un melo: avvenne proprio per la caduta di una mela mentre era seduto a riflettere".

"Perchè le mele cadono perpendicolarmente al terreno?" si chiese,"Perchè non di lato, o verso l'alto, ma sempre verso il centro della terra?”....

La risposta che Newton si diede avrebbe cambiato per sempre il corso della scienza. La scoperta della teoria della gravità venne così ricordata dall’amico e collega William Stukeley,che nel 1752 registrò nelle sue “Memoirs of Sir Isaac Newton's Life” la conversazione con Newton a Kensington il 5 aprile 1726 sull'aneddoto della mela.

Lord Rees, presidente della Royal Society, ha affermato: “La biografia di Stukeley rappresenta un prezioso documento per gli storici di scienza e sono contentissimo che sia stata resa disponibile al pubblico, insieme ad altri importanti manoscritti.”

Questo episodio, un tempo si spacciava per storia autentica, poi ci hanno assicurato che era una leggenda, ora viene reso pubblico un manoscritto dell’epoca per dimostrare che si tratta di realtà documentata. Finora tale manoscritto è rimasto nascosto nell’archivio della Royal Society, ma a partire da oggi chiunque possieda una connessione Internet potrà visionarlo! Tale manoscritto è stato messo online assieme agli appunti del rivale scientifico di Newton, Robert Hooke. Entrambi i testi erano stati persi da secoli e sono stati ritrovati recentemente in una casa in Inghilterra. Gli utenti potranno consultarli sul sito con lo stesso software che consente agli appassionati di visionare alcuni manoscritti scansionati presenti alla British Library, da Leonardo a Jane Austen.

Il testo è stato infatti pubblicato online in occasione del 350esimo anniversario dell’accademia britannica.Newton e la mela

A quell’epoca Isaac aveva letto praticamente tutto ciò che valeva la pena di essere letto su qualsiasi argomento, e aveva deciso una volta per tutte ciò su cui era d’accordo e ciò su cui non lo era. In ogni caso, c’erano state due persone il cui lavoro apprezzava e sul quale aveva riflettuto per giorni interi: Johannes Keplero e Galileo Galilei. Evidentemente pensava alle leggi di Keplero prima della caduta della famosissima mela:“Come mai i pianeti si muovono descrivendo delle ellissi? Come mai si muovono più in fretta quando sono più vicini al Sole?".Naturalmente Isaac sapeva tutto anche sull’accelerazione costante di Galileo, ma la caduta per terra degli oggetti era un argomento completamente diverso dalla rotazione dei pianeti attorno al Sole. Isaac non sapeva che le due cose potessero essere collegate, ma qualcun altro nel giardino lo sapeva…

La mela cadde.

Certamente il frutto non gli piombò in testa, come raccontano i maestri agli scolari delle elementari. Ma di sicuro lo scienziato si trovava nel giardino della sua casa di Woolsthorpe Manor, quando assistette al tonfo del frutto elaborando poi la sua arcinota teoria secondo cui deve esistere un potere attrattivo universale, proprio a tutti i corpi dotati di massa, che fu chiamato forza di gravità. Lo stesso tipo di forza che attira i corpi verso il centro della Terra, è anche quello che governa i grandi moti astronomici dei corpi celesti. Dunque, grazie alla divulgazione online dell’opera di Stukeley, che per inciso fu anche uno dei primi studiosi del tempio di Stonehenge, finalmente possiamo verificare che l’aneddoto della mela non è una panzana, ma nasce da una testimonianza diretta resa dallo stesso Newton.

Il bibliotecario della Royal Society, Keith Moore, ha spiegato che la storia della mela mantiene il suo smalto in parte perché è ammassata in tanto materiale, tra cui un’illustrazione di come lavorano le scienze moderne, un riferimento implicito al sistema solare e perfino un’allusione alla Bibbia. “Quando Newton descrive il processo di osservazione di una mela che cade, ipotizzando che dietro ci sia il principio di gravità, lo scienziato stà parlando di un metodo scientifico”,ha sottolineato Moore: "Pertanto la forma della mela ricorda il pianeta, è tonda, e ovviamente la mela che cade dall’albero richiama la storia di Adamo ed Eva, e Newton in quanto uomo religioso lo avrebbe trovato del tutto adeguato”.

Inoltre non tutti sanno che Isaac Newton aveva ipotizzato anche una data per la fine del mondo. Era stato descritto come "non il primo degli scienziati moderni, ma l’ultimo dei grandi stregoni" , e i suoi manoscritti in mostra a Gerusalemme dal 2007 sottolineano infatti soprattutto il lato religioso, mistico e alchemico del fisico inglese. Dal calcolo delle origini dell’Universo a quello dell’Apocalisse emergono rivelazioni inquietanti. L'Apocalisse  non sarebbe comunque tanto lontana: ci sarà nel 2060si assisterà alla rovina delle nazioni malvagie, alla fine di ogni tristezza e sventura, al ritorno degli ebrei dall’esilio e il sorgere di un fiorente ed eterno Regno”.

Sarà vero? Non ci resta che scongiurare!

Written by author_emymey09 ... modificated by manager_noe

"CLICCA PER COMMENTARE SUL FORUM

 

Leggi i migliori articoli e news sulla ''We-News | Paid-To-Write'', la Testata Giornalistica Online con le sue sezioni tematiche di:

Martedì 20 Febbraio 2018 19:10
Immagine
    ARRIVA L’ESTATE: OCCHIO ALLE SCOTTATURE!
Parola d’ordine: attenzione!
Leggi tutto...
Immagine
    PHILIPS LIVABLE CITIES AWARD, PREMI FINO A 125.000 EURO
  Philips Livable Cities Award è il concorso lanciato da Philips per l’ideazione di progetti tesi a migliorare il benessere e la salute di chi...
Leggi tutto...
Immagine
    LAVORO E BENESSERE:STIAMO BENE DA MORIRE..
  I dati statistici riguardanti la nostra salute fisica sono più che confortanti. La vita media si è allungata fino agli 84 anni per le donne e...
Leggi tutto...
Immagine
    AVERE CAPELLI PERFETTI PER L'ESTATE 2010
  Volete che i vostri capelli siano perfetti e pronti per essere sfoggiati questa estate del 2010? Seguite questi semplici consigli e farete un...
Leggi tutto...
Immagine
    CHIRURGIA PLASTICA: QUANDO LA SCIENZA DIVIENE OSSESSIONE
  Per definizione la chirurgia estetica deriva dal ramo della chirurgia plastica (chirurgia ricostruttiva), che si occupa di ricostruire distretti...
Leggi tutto...
Immagine
    NEWS SALUTE - DALL'AMERICA: LA "PANCIA DA BIRRA" AUMENTA IL RISCHIO DI DEMENZA
  Secondo uno studio effettuato negli Stati Uniti e pubblicato su Annals of Neurology, la quantità di grasso presente nell'addome avrebbe un legame...
Leggi tutto...
Ho conosciuto questo sito da...
 




"TORNA SU" | Home | RSS Feed | Design by : Admin GAT (giulioalbertotolu[AT]hotmail.it) | CSS | XHTML | "Copyright & Privacy" | "Domande & Risposte" |

INFORMAZIONEPURA il PAID TO WRITE che ti fa GUADAGNARE SCRIVENDO ARTICOLI