Il portale informazionepura.it è in stanby permanente.

Per tutti coloro che volessero sfruttare l'opportunità di Guadagnare Scrivendo Articoli in una vera testata giornalistica professionale, consigliamo di scrivere per il Giornale ''We-News | Paid-To-Write''.

Cordiali saluti, e grazie per aver pensato a noi.

Condividi su: FACEBOOK WIKIO WIKIO SEGNALO DIGGITA ZICZAC DELICIOUS DIGG TWITTER GOOGLE TECHNORATI FAVORITES WINDOWS LIVE BOOKMARK.IT DIGO FAI INFORMAZIONE UPNEWS

Subscribe

Bookmark and Share

PREVENZIONE TUMORI: FACCIAMO UNA PANORAMICA PDF Stampa E-mail

tumore

 

L'epidemiologia, i fattori di rischio, la patogenesi e la terapia dei tumori vengono studiate dall'oncologia medica.


Per fare ciò questa disciplina si avvale di classificazioni in base a due valori: l'incidenza e la mortalità. Secondo l'incidenza la classifica vede al primo posto il carcinoma alla mammella per le donne e quello alla prostata per gli uomini.

Seguono poi, per entrambi sessi, il carcinoma al polmone e quello al colon-retto.

In base alla mortalità, invece, il carcinoma al polmone è quello che si trova al primo posto.


La mortalità per i tumori è in aumento sia per gli uomini che per le donne, a causa dell'invecchiamento della popolazione.


I tumori infatti sono più frequenti negli anziani a causa di una ridotta riparazione dei danni e di una prolungata esposizione a fattori cancerogeni.


Quindi, contrariamente a quanto appare, eliminando l'effetto legato all'invecchiamento della popolazione, la mortalità tende a diminuire.

Contro i tumori le misure che si adottano sono diverse.


Innanzitutto si ha la prevenzione primaria che riguarda tutti gli interventi di sanità pubblica per rimuovere i fattori di rischio per la popolazione.

A questi appartengono le campagne contro il fumo, le vaccinazioni contro HPV e contro l'epatite B, i blocchi della circolazione, eccetera.

Vi è poi una prevenzione secondaria di screening che riguarda tutti gli interventi di sanità pubblica volti ad identificare in fase precoce un tumore (ad es. il Pap test o la mammografia).

E' bene sottolineare che gli interventi di screening vengono scelti in base all'incidenza del tumore, non alla mortalità, quindi si cercano di identificare i tumori più diffusi per potervi porre rimedio precocemente, non quelli più fatali.

Successivamente si può identificare un tumore mediante la comparsa di sintomi  clinici (che appaiono sempre in uno stadio avanzato) e la diagnosi può essere effettuata solo da un atomo patologo tramite esame istologico.

Una volta accertata la presenza di carcinoma il paziente è l'unico e il solo che deve essere informato.

Quindi, al contrario di come si chiede, il medico deve informare innanzitutto il paziente interessato e poi, se quest'ultimo gli dà il permesso, può informare anche i familiari.

Written by cosima86 ... (GAT)

 

Leggi i migliori articoli e news sulla ''We-News | Paid-To-Write'', la Testata Giornalistica Online con le sue sezioni tematiche di:

Martedì 20 Febbraio 2018 19:02
Immagine
    ARRIVA L’ESTATE: OCCHIO ALLE SCOTTATURE!
Parola d’ordine: attenzione!
Leggi tutto...
Immagine
    PHILIPS LIVABLE CITIES AWARD, PREMI FINO A 125.000 EURO
  Philips Livable Cities Award è il concorso lanciato da Philips per l’ideazione di progetti tesi a migliorare il benessere e la salute di chi...
Leggi tutto...
Immagine
    LAVORO E BENESSERE:STIAMO BENE DA MORIRE..
  I dati statistici riguardanti la nostra salute fisica sono più che confortanti. La vita media si è allungata fino agli 84 anni per le donne e...
Leggi tutto...
Immagine
    AVERE CAPELLI PERFETTI PER L'ESTATE 2010
  Volete che i vostri capelli siano perfetti e pronti per essere sfoggiati questa estate del 2010? Seguite questi semplici consigli e farete un...
Leggi tutto...
Immagine
    CHIRURGIA PLASTICA: QUANDO LA SCIENZA DIVIENE OSSESSIONE
  Per definizione la chirurgia estetica deriva dal ramo della chirurgia plastica (chirurgia ricostruttiva), che si occupa di ricostruire distretti...
Leggi tutto...
Immagine
    NEWS SALUTE - DALL'AMERICA: LA "PANCIA DA BIRRA" AUMENTA IL RISCHIO DI DEMENZA
  Secondo uno studio effettuato negli Stati Uniti e pubblicato su Annals of Neurology, la quantità di grasso presente nell'addome avrebbe un legame...
Leggi tutto...
Ho conosciuto questo sito da...
 




"TORNA SU" | Home | RSS Feed | Design by : Admin GAT (giulioalbertotolu[AT]hotmail.it) | CSS | XHTML | "Copyright & Privacy" | "Domande & Risposte" |

INFORMAZIONEPURA il PAID TO WRITE che ti fa GUADAGNARE SCRIVENDO ARTICOLI