Il portale informazionepura.it è in stanby permanente.

Per tutti coloro che volessero sfruttare l'opportunità di Guadagnare Scrivendo Articoli in una vera testata giornalistica professionale, consigliamo di scrivere per il Giornale ''We-News | Paid-To-Write''.

Cordiali saluti, e grazie per aver pensato a noi.

Condividi su: FACEBOOK WIKIO WIKIO SEGNALO DIGGITA ZICZAC DELICIOUS DIGG TWITTER GOOGLE TECHNORATI FAVORITES WINDOWS LIVE BOOKMARK.IT DIGO FAI INFORMAZIONE UPNEWS

Subscribe

Bookmark and Share

LA BELLEZZA E IL GUSTO DEL VIVERE PDF Stampa E-mail

La bellezza e il gusto del vivere

 

Procedendo nel cammino, è sorta in me la domanda: ma perché devo contemplare la vita ? A quale scopo ? Cosa c’è nella ...

... vita di così prezioso da doverle dedicare un così attento e accurato sguardo ?

La risposta che mi sono dato è stata: bellezza.

C’è bellezza nella nostra esistenza, ma non il classico concetto di bellezza al quale forse siamo abituati; c’è una bellezza più profonda, che nasce dentro di noi e che possiamo percepire solo col cuore e a cui il nostro cuore stesso anela da sempre.

La contemplazione, che abbiamo già messa nel nostro zaino, è lo strumento che ci aiuta ad aprire gli occhi (quelli del cuore), ci apre i polmoni e ci fa respirare in maniera più ampia, più lenta, ci fa sentire ogni nanosecondo del nostro prendere respiro, ce lo fa assaporare per intero, come quando si sorseggia lentamente una gustosa bevanda, ci si sofferma su uno splendido paesaggio, si ascolta ad occhi chiusi una dolce melodia o si bacia lentamente il proprio amato, sentendo completamente il leggero sfiorarsi delle labbra e il respiro dell’altro che si fa più denso e caldo.

La contemplazione significa saper cogliere il bello di una passeggiata, sentire il peso di ogni passo.

Nel libro dei Salmi (Sal 90,12) sta scritto: Insegnaci a contare i nostri giorni e giungeremo alla Sapienza del cuore; è proprio vero che ci vuole tanta sapienza nel cuore per riuscire a sentire il peso, la portata, la pienezza, la bellezza di ogni giorno che si ha da vivere.

Bonsai Non riuscire a cogliere gli attimi della vita significa non viverla o comunque non viverla pienamente; non arrivare al centro della nostra esistenza significa aver sbagliato tutto, significa mancare il bersaglio esistenziale in maniera clamorosa, significa non godersi appieno la gioia che è presente e che può essere raccolta.

Uno potrebbe pensare: Ed io che fino ad oggi non ho colto il bersaglio, che non penso che la vita sia un miracolo meraviglioso, che non vedo tutta questa bellezza e questa gioia da cogliere, e che però mi piacerebbe incontrare, sono ancora in tempo per mettermi in cammino verso la felicità ?”.

Assolutamente si !

Citando il film “Vanilla Sky”: ”Ogni minuto che passa è una buona occasione per rivoluzionare tutto completamente”.

Non importa quanti anni abbiamo vissuto fino ad oggi e come li abbiamo vissuti, più importante è come intendiamo vivere oggi ed a partire da oggi; più importante è riuscire a entrare, anche solo per poco tempo, nel senso delle cose.

Citando me stesso: “Il senso della vita non è vivere a lungo ma vivere appieno, non è resistere al tempo che passa ma esistere nel tempo resta, poiché del tempo che abbiamo a disposizione ci resta (e resta in eterno) solo quello che abbiamo vissuto davvero, il resto è sabbia che scivola via dalle nostre mani.

In conclusione, credo sia il caso di modificare la destinazione del nostro viaggio, non più dunque la contemplazione (che quindi è un mezzo ma non il fine), neppure la bellezza (anch’essa un mezzo) bensì il centro dell’esistenza, la pienezza.

Questa è la nuova meta fissata.

Come ci suggerisce la poesia di Henry David Thoreau:

 

Andai nei boschi
perchè volevo vivere con saggezza e in profondità, succhiando tutto il midollo della vita, per sbaragliare tutto ciò che non era vita e per non scoprire in punto di morte che non ero vissuto.

 

Written by author_aldejes


 

Leggi i migliori articoli e news sulla ''We-News | Paid-To-Write'', la Testata Giornalistica Online con le sue sezioni tematiche di:

Venerdì 16 Novembre 2018 14:23
Immagine
    GIRO D'ITALIA: IL"MOSTRO" ZONCOLAN ED I SUOI TIFOSI. IV PARTE
  Durante la sosta soccorriamo un ragazzo rimasto senza acqua e osserviamo l'educazione delle persone che stanno salendo, tutte sofferenti ma...
Leggi tutto...
Immagine
    GIRO D'ITALIA: IL "MOSTRO" ZONCOLAN ED I TIFOSI DEL GIRO D'ITALIA. III PARTE
  L'odore della fatica, quello della carne cucinata alla griglia, l'immancabile odore del vino, insomma un po' tutto per riuscire ad esorcizzare...
Leggi tutto...
Immagine
    GIRO D'ITALIA: IL "MOSTRO" ZONCOLAN ED I TIFOSI DEL GIRO D'ITALIA . II PARTE
  Arriviamo a Liariis un paesino che si trova subito dopo Ovaro e rimaniamo impressionati dal calore della gente del luogo.
Leggi tutto...
Immagine
    GIRO D'ITALIA: IL" MOSTRO" ZONCOLAN E I TIFOSI DEL GIRO D'ITALIA, I PARTE
La quindicesima tappa del Giro d'Italia di ciclismo era la tappa dello Zoncolan e resistere al richiamo del Mostro è stato impossibile.
Leggi tutto...
Immagine
    RACCONTO PER UN DISEGNO-III PARTE
  25 maggio 2110 Anche Lexa si è ammalato l’altro giorno così oggi l’ho chiamato… pronto… posso parlare con Lexa? Ho detto così perché...
Leggi tutto...
Immagine
    RACCONTO PER UN DISEGNO-II PARTE
  19 maggio 2110 C’è qualcosa di strano al Dipartimento, la gente continua a stare a casa, non stanno bene ma almeno non deve essere roba...
Leggi tutto...
Ho conosciuto questo sito da...
 




"TORNA SU" | Home | RSS Feed | Design by : Admin GAT (giulioalbertotolu[AT]hotmail.it) | CSS | XHTML | "Copyright & Privacy" | "Domande & Risposte" |

INFORMAZIONEPURA il PAID TO WRITE che ti fa GUADAGNARE SCRIVENDO ARTICOLI