VALENTINO ALLA CACCIA DEL DECIMO TITOLO CON UN TRIO ALLE CALCAGNA Stampa

 

 

rossi stoner

 

Il cannibale non è ancora sazio, dopo nove titoli Valentino Rossi va a caccia del decimo sigillo, inseguendo il mito dei tredici di Angel Nieto e dei quindici del mitico Giacomo Agostini.

 

Dopo il settimo squillo nella classe regina, "The Doctor" è ancora il favorito numero uno, in sella alla sua Yamaha ufficiale e dovrà vedersela contro un terzetto di giovani agguerriti come gli spagnoli Lorenzo e Pedrosa e l'australiano Stoner.

Partiamo dal nemico in casa, ovvero quel Jorge Lorenzo che dopo esser stato a lungo la scorsa stagione il rivale numero uno punta in questa stagione oltre che sulla parità di moto anche su un esperienza maggiore che dovrebbe allontanarlo da alcuni banali errori che la scorsa stagione gli sono valsi ruzzoloni fuori pista o mancati successi con sorpassi subiti dal compagno di squadra negli ultimi giri.

Attenzione anche a Casey Stoner, che dopo i guai fisici della scorsa annata torna in forma e pronto a bissare il titolo del 2007 avvalendosi della straordinaria potenza della sua Ducati Desmosedici.

Chiudiamo il quadro dei favoriti con Dani Pedrosa, che a venticinque anni si candida al salto di maturità cercando una continuità sinora mai raggiunta nelle precedenti quattro stagioni in MotoGp anche per riportare la barcollante Honda delle ultime annate sul tetto del mondo.

Capitolo outsiders: anche qui tanti nomi, un bel mix d'esperienza e novità, tra vecchi leoni del circuito e giovani rampanti.

Partiamo dagli esperti, in particolare il nostro Loris Capirossi che domenica toccherà i 300 gran premi in carriera a cavallo della sua Suzuki dove avrà come compagno di squadra il debuttante in categoria Alvaro Bautista, reduce da ottimi risultati nelle classi inferiori.

Altro mix tra esperto e giovane è quello dalla Yamaha Monster, con i due americani Colin Edwards (classe '74) e il campione SuperBike 2009 Ben Spies pronto  a far faville anche in MotoGp sin da subito.

Si chiude il settore outsiders con le nostre due speranze romagnole Andrea Dovizioso, già alla terza stagione nella classe massima dove ha già ottimamente figurato su Honda ufficiale, Marco Simoncelli, che debutterà sulla Honda del team Gresini, e il campione del mondo 2006 Nicky Hayden destinato a fare da scudiero al compagno di squadra Stoner in Ducati.

In terza fila troviamo invece piloti dotati di buona esperienza ma moto non propriamente eccezionali, come Mika Kallio con la Pramac Ducati o Hiroshi Aoyama e Randy De Puniet, entrambi a cavallo della Honda non ufficiale e priva di sviluppi.

Chiudono il quadro dei partecipanti Marco Melandri, che cercherà con il team Gresini di riscattare annate da incubo tra Ducati e Kawasaki, e Aleix Espargaro, debuttante dopo aver però non destato grande impressione nelle stagioni in 125 e 250 che cavalcherà la Ducati Pramac.

Si parte domenica sera in Bahrein sul circuito di Losail, 18 gran premi che terranno tutti col fiato sospeso fino al prossimo 7 novembre quando si chiuderà la stagione, come consuetudine, sul circuito di Valencia nel Gran Premio della Comunità Valenciana.

Da segnalare in calendario la novità del Gp d'Aragona il prossimo 19 settembre ad Alcaniz, quarta corsa in stagione sul suolo Spagnolo che va ad affiancarsi al Gp di Spagna (Jerez) il 2 maggio, il già citato Gp di Valencia e quello di Catalogna (Montmelò) il 4 luglio.

Per chiudere gli appuntamenti in Italia saranno il 6 giugno al Mugello per il Gp d'Italia e il 5 settembre a Misano Adriatico per il Gp di San Marino.

 

Written by author_TheSpurs   modificated by Manager_Igor Scarabel

La redazione di InformazionePura.it, pur facendo un grande controllo dei contenuti che pubblica, non si assume nessuna responsabilità in merito agli stessi. Infatti, è l'autore dello stesso articolo che si prende la piena responsabilità legale ed amministrativa dei contenuti pubblicati in esso (testo, foto, e vari).